La fattura con ritenuta d’acconto

  • La fattura con ritenuta d’acconto

    La fattura con ritenuta d’acconto

    Nel corso della tua attività ti sarà capitato e ti capiterà certamente in futuro di trovarti davanti a fatture e ricevute con ritenuta d’acconto.
    Le più comuni sono quelle dei compensi per i collaboratori esterni, quali liberi professionisti, agenzie, agenti o venditori con Partita Iva, ad eccezione di quelli in regime forfetario. Inoltre, la stessa ritenuta si applica a tutte le collaborazioni occasionali.
    La ritenuta è regolata da norme fiscali precise. Esse indicano che quando il cliente è titolare di una Partita Iva (come la tua azienda), egli deve “trattenere” il 20% del compenso a titolo di acconto dell’IRPEF che il libero professionista o il collaboratore occasionale dovrà versare. Tale importo viene poi versato allo Stato direttamente dal committente, che agisce quindi da sostituto d’imposta.

     

    Cosa devi fare con la ritenuta d’acconto?

    Se hai ricevuto una fattura con ritenuta d’acconto, entro il 16 del mese successivo a quello del pagamento, devi versare la ritenuta allo Stato per conto del tuo collaboratore. Si usa il modello F24, con il codice tributo 1040.
    Attenzione: per il versamento conta la data del pagamento, non dell’emissione o della ricezione della fattura o ricevuta.
    Inoltre, l’anno successivo, entro la fine di febbraio, devi inviare ai tuoi collaboratori la Certificazione Unica in cui dichiari l’ammontare dell’acconto che hai versato a loro nome.

     

    La ritenuta d’acconto e i software di fatturazione

    Tenere traccia delle ritenute d’acconto dei tuoi collaboratori può essere problematico e il rischio di errore è sempre dietro l’angolo. Questo danneggerebbe la tua azienda, sia nei rapporti con i tuoi collaboratori che nei confronti dello Stato, e potresti ritrovarti a dover pagare delle sanzioni.
    Fortunatamente il software di fatturazione Easy Planet ti fornisce un valido aiuto. L’anagrafica fornitori infatti comprende specifici campi per la gestione della ritenuta d’acconto. Potrai così calcolarla automaticamente ogni volta che inserisci nel sistema la fattura o la ricevuta del tuo fornitore. Inoltre avrai sott’occhio in qualsiasi momento e in maniera veloce tutti i professionisti soggetti a tale ritenuta ed effettuare i versamenti mensili sarà semplice e sicuro.

     

    E se sei tu a dover applicare la ritenuta d’acconto?

    Easy Planet ti assiste anche nella fatturazione con ritenuta d’acconto. In ogni fattura potrai inserirla, indicare la percentuale e su quali importi va applicata. In questo caso, ricordati che la ritenuta è pari al:

     

    • 20% del compenso del professionista se il committente è un soggetto residente in Italia;
    • 30% del compenso nel caso di committenti non residenti. In questo caso non si tratta di un acconto sulle imposte, ma dell’importo definitivo.

     

    Grazie all’impiego di un software di fatturazione potrai gestire la ritenuta d’acconto sia nel ciclo attivo che passivo riducendo al minimo il rischio di errore.

    Questo articolo ti è piaciuto? Condividilo!
    Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrShare on RedditEmail this to someonePrint this page

    Leave a comment

    Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi